domenica 8 aprile 2018

SERIE A2: BERGAMO CALA LA MANITA

.
dal sito www.bb14.it
.
Bergamo cala la manita. Battendo Ferrara 85-74, gli uomini di coach Sacco vincono la quinta partita consecutiva, tenendo ancora accese le speranze di salvezza diretta. Una gara giocata con intelligenza da Ferri e compagni, capaci – dopo il riposo lungo – di accelerare in maniera decisa nel terzo quarto, contenendo i tentativi di rientro degli ospiti nell’ultima frazione. Ancora una volta è il collettivo che emerge, guidato dall’ennesima prova sopra le righe di Solano, 21 punti al termine. Con questo successo Bergamo si assicura matematicamente almeno la terz’ultima piazza, ma come detto può ancora sperare di agguantare Piacenza: serviranno due vittorie nelle ultime due gare in calendario, con le conseguenti sconfitte degli emiliani. Prossimo turno per i gialloneri la trasferta in casa di Ravenna, altra compagine che naviga in zona Play-Off.

Bergamo scatta sotto la spinta di Solano, che piazza 5 dei primi 8 punti dei gialloneri, obbligando coach Bonacina all’immediato time-out. I gialloneri mordono sin da subito in difesa, Ferrara si sblocca dalla lunetta con Cortese ma la replica è tutta di Hollis che permette ai padroni di casa di stare avanti (13-5 al 4’). Si fa male Fattori – sostituito da Bozzetto – Ferrara torna sotto con Hall, Fantoni e Cortese (19-16 al 7’), Moreno impatta dall’arco poi gli estensi perdono di seguito sia Hall che Rush e ci pensa Sergio a sigillare il primo quarto con il canestro del 21-19 in favore di Bergamo.

La partita resta piuttosto piacevole anche in avvio di secondo quarto, quando si gioca punto a punto (25-24 al 12’); la situazione di equilibrio persiste anche con i cambi dei coach, Fattori, Cazzolato, Rush e Molinaro firmano il 33-33 di metà periodo, Fattori piazza un personalissimo 4-0 ricucito parzialmente da Rush, e il finale di quarto vede Donadoni e Fattori fissare il 41-37 di metà gara.

Bergamo innesta le marce alte di rientro dagli spogliatoi: dopo il +8 a firma Solano e Laganà (48-40 al 23’), arrivano i liberi di Laganà e una tripla di Hollis a dare il +14 interno. L’energia non si esaurisce, Cazzolato è ovunque: prima mette una tripla dall’angolo, poi serve a Fattori il +19 che fa esplodere di gioia il pubblico del PalaNorda. Ferrara è intontita, Bonacina richiama i suoi che rispondono con Fantoni e Hall, ma Solano fa malissimo dall’arco per tenere Bergamo con un comodo vantaggio (65-49 al 28’), che diventa 67-55 al termine del 30’.

Ferrara tenta il rientro con Hall e Rush, ma Hollis e Solano mantengono le distanze (72-59 al 32’); Ferri inchioda la tripla frontale del nuovo +16 interno, gli estensi non cedono mai e tengono vivo il match (75-64 al 36’). Non si segna per un paio di minuti dove la stanchezza prende il sopravvento, Fantoni schioda il punteggio con un libero per il 75-65 a 2’17” dalla sirena, Ferrara ci prova ma senza costrutto e i liberi di Solano, unitamente alla tripla di Fattori, chiudono il conto. Vince Bergamo 85-74.

Bergamo-Bondi Ferrara 85-74 (21-19, 41-37, 67-55)

Bergamo: Laganà 6 (2/8, 0/2), Solano 21 (5/8, 2/9), Sergio 12 (2/3, 2/6), Fattori 17 (6/10, 1/4) ,Hollis 14 (4/9, 2/3); Bozzetto 4 (2/2), Ferri 5 (1/3 da tre), Cazzolato 6 (2/2 da tre), Bedini n.e., Magni n.e., Crimeni n.e., Marelli n.e.. All. Sacco

Bondi Ferrara: Moreno 8 (1/3, 2/6), Cortese 7 (1/3, 1/6), Rush 22 (7/17, 0/1), Hall 10 (4/9, 0/7), Fantoni 15 (5/8); Molinaro 7 (2/4, 1/2), Panni 3 (1/2, 0/3), Donadoni 2 (1/1), Carella n.e., Drigo n.e.. All. Bonacina 

Tiri liberi: Bergamo 13/16, Bondi Ferrara 18/27

Rimbalzi: Bergamo 41 (Solano 8), Bondi Ferrara 46 (Rush 12)

Assist: Bergamo 12 (Solano 4), Bondi Ferrara 16 (Moreno 5)

Usciti per 5 falli: Nessuno

Spettatori: 1350



.